Mangiare sano

Click to enlarge
L'Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda il consumo, nell'alimentazione quotidiana, di almeno 400 g tra frutta e verdura, in quanto si dimostra sempre più efficace nel prevenire l'insorgenza di diverse tipologie di cancro e malattie croniche a carico dell'apparato cardiovascolare e gastrointestinale; raccomandazioni riprese anche da numerose campagne di sensibilizzazione, tra cui la famosa "five-a-day" americana: cinque porzioni al giorno corrispondenti a circa 500-800 g di frutta e verdura, rappresentano un vero e proprio "toccasana" per l'organismo. A patto però che siano di tipologie diverse, di stagione e che siano perfettamente sicure grazie ad un accurato lavaggio. 

Ma vediamone in dettaglio i benefici.

Il pieno di vitamine e minerali per restare sempre giovani!

Ecco i principali principi nutritivi presenti nella frutta e nella verdura:
  • pro-vitamina A: protegge le mucose, contribuisce alla crescita e alla conservazione della vista. E' presente nella frutta e verdura di colore giallo-arancio (albicocche, carote, pesche), negli ortaggi a foglia verde (asparagi, cicoria, coste, lattuga, spinaci);
  • vitamina C: stimola la produzione di anticorpi, difendendoci quindi dalle infezioni. E' presente negli ortaggi a foglia verde, negli agrumi, nei pomodori, nelle fragole;
  • selenio, zinco, acido ascorbico, carotenoidi, tocoferoli e vitamina E: proteggono l'organismo dall'azione dei radicali liberi, e quindi dai processi degenerativi delle cellule e dall'invecchiamento, e sono presenti in moltissimi prodotti ortofrutticoli freschi.

Amiche del cuore

Una dieta ricca di frutta e verdura riduce il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari: i risultati di uno studio dell'Harvard School of Public Health di Boston hanno dimostrato che, consumare cinque o più porzioni al giorno di frutta e verdura, riduce i casi di ictus e infarto del 12%. Merito del potassio, di cui sono ricchi questi alimenti, dei folati (presenti soprattutto negli ortaggi a foglia verde e in alcuni agrumi) e delle vitamine del gruppo B. Tutte le crocifere, inoltre (broccoli, cavolfiore, cavolo) sembrano essere in grado di proteggere da alcune forme tumorali, come quelle all'apparato gastrointestinale. 

Il pieno di fibre

Fare scorta di fibre significa aumentare il volume del cibo, raggiungere quindi più facilmente il senso di sazietà e facilitare lo svuotamento dell'intestino, limitando quindi l'insorgere di disturbi fastidiosi come la stipsi. Oltre ai cereali e derivati, molti ortaggi e frutti sono ricchissimi di fibra: pere, mele, lamponi, ribes, cavoli, cicoria, finocchi, melanzane. Non dimentichiamo che a fronte di tutti i benefici che apportano, frutta e verdura sono estremamente povere di calorie, a tutto vantaggio della linea, e ricchissime di acqua, indispensabile per una corretta idratazione dell'organismo. 

Guarda anche: