I nemici invisibili

Click to enlarge
Le cifre parlano chiaro: nonostante i miglioramenti effettuati negli ultimi anni, sia in termini di legislazione che in termini di controllo, frutta e verdura fresche possono presentare ancora dei rischi per la nostra salute.

Le leggi europee e italiane regolano la quantità e la qualità dei pesticidi permessi (che sono circa 800): ma si tratta talvolta di leggi in attesa di aggiornamento e che spesso non tengono conto della compresenza di più agenti chimici, e delle conseguenze per la salute

Sono molti i "nemici invisibili" presenti sulla superficie di frutta e verdura e che rischiano di finire nel nostro piatto:
  • residui di terra e di trattamenti nei campi e nell'acqua di irrigazione (antiparassitari, fungicidi, erbicidi);
  • contaminazione da microrganismi durante la manipolazione del prodotto, dalla raccolta all'arrivo nel punto vendita;
  • microbi presenti nei contenitori dove il prodotto viene conservato e nei mezzi di trasporto con cui giunge al punto vendita;
  • residui di terra e di escrementi animali.

Secondo l'ultimo rapporto di Legambiente, sono quasi il 20% i campioni di verdura analizzati che presentano residui di uno o più agenti chimici, anche se nei livelli consentiti dalla legge italiana. Più seria la situazione della frutta: in questo caso la percentuale "a rischio" supera il 50%, con ben il 2% decisamente "illegale". Questo dato allarmante deriva dalla presenza, sui banchi dei punti vendita, di molta frutta di importazione: in alcuni paesi infatti i controlli sono meno rigorosi e gli alimenti sono sottoposti a trattamenti chimici più aggressivi per garantirne la freschezza per il periodo di tempo necessario a raggiungere il nostro paese. 

Acquistare prodotti italiani e stagionali, quindi - come ha sottolineato anche una recente campagna promossa da Intesaconsumatori e Coldiretti - è sicuramente una buona norma di sicurezza, unita ovviamente alla buona abitudine di lavare sempre in modo accurato gli alimenti freschi.

Anche le raccomandazioni emesse dal Ministero della Salute sottolineano l'importanza di un corretto lavaggio degli alimenti freschi con acqua e bicarbonato come regola di prevenzione per molte malattie trasmesse dagli alimenti. Con un corretto lavaggio si eliminano fino al 99% di residui chimici e di terra: a tutto vantaggio della nostra salute. 

Guarda anche