Pizzoccheri: le regole per non sbagliare

PizzoccheriClick to enlarge

Tagliatelle di grano saraceno, formaggio, verdure, aglio e tanto burro. Gli ingredienti dei pizzoccheri, il gustoso piatto “cult” della Valtellina, non sono certo un segreto, ma riuscire ad assemblarli nel modo giusto e ottenere un risultato a regola d’arte, può non essere così banale come sembra.

Ecco allora i trucchi di Bicarbonato Solvay® per portare in tavola una teglia fumante e profumata, all’altezza della ricetta originale lombarda, che farà “impazzire” tutti.

 

Le materie prime

Alla base della riuscita del piatto c’è la qualità delle materie prime utilizzate. Verdure in primis. Verze e patate sono obbligatorie, poi alcuni aggiungono anche coste o fagiolini, ma l’importante è che siano tutti prodotti “di montagna”: la tradizione vuole che si utilizzino verdure che abbiano subito la prima gelata dell’anno per risultare più tenere, naturalmente sempre lavate bene con Bicarbonato Solvay® Frutta & Verdura in microgranuli.

Poi il formaggio: non uno qualunque, ma il celebre bitto, o al limite il casera, entrambi prodotti valtellinesi dop. Infine il burro, da usare in abbondanza e rigorosamente di panna (i pizzoccheri non sono un piatto leggero: impensabile realizzarli con un occhio alla dieta).

Per quanto riguarda le tagliatelle, ovvero i pizzoccheri veri e propri che, per estensione, danno il nome al piatto, l’ideale sarebbe farli in casa miscelando acqua, farina bianca e di grano saraceno in proporzione 1:4, per poi stendere tutto con il mattarello e ricavare delle strisce lunghe 7-8 cm, larghe 5 mm e piuttosto spesse. Se non hai abbastanza tempo vanno comunque benissimo quelli secchi in scatola che si trovano in tutti i supermercati.

Ma vediamo con più precisione gli ingredienti necessari alla realizzazione del piatto:

Ingredienti per 5 persone:

  • 500 g di pizzoccheri (6/700 g se freschi)

  • 250 g di verze

  • 300 g di patate

  • 150 g di coste

  • 350 g di formaggio (casera e/o bitto)

  • 200 g di parmigiano grattugiato

  • 250 g di burro

  • Aglio

  • Pepe

 

Preparazione

Per prima cosa metti sul fuoco una grande pentola con acqua salata, poi prepara le verdure.

Sbuccia le patate e tagliale a cubetti non troppo piccoli, poi sfoglia la verza e le coste eliminando le foglie esterne. Per lavarle in modo ottimale, eliminando i residui di terra e sporcizia, inumidiscile e massaggiale delicatamente con i microgranuli di Bicarbonato Solvay® Frutta & Verdura, una formula studiata apposta proprio per garantirti una maggiore efficacia e praticità nel lavaggio di frutta e verdura. Poi lasciale a bagno per 10 minuti in acqua e Bicarbonato Solvay® Frutta & Verdura e infine risciacquale con acqua corrente e tagliale a piccoli pezzi.
Quando l’acqua bolle butta le verdure; dopo 5 minuti aggiungi i pizzoccheri e porta tutto a cottura (ci vorranno circa altri 10 minuti).

Nel frattempo fai soffriggere in un pentolino 2/3 spicchi d’aglio con il burro e fai scaldare in forno la teglia di portata. Al termine della cottura raccogli dalla pentola verdure e pizzoccheri con una schiumarola, scolali bene e disponili nella teglia poco alla volta, spargendo contemporaneamente il parmigiano e il formaggio a cubetti.
Infine versaci sopra il burro fuso e mescola bene. Concludi con una macinata di pepe.
Il trucco in più: scalda i piatti prima di servire, per evitare che il condimento si rapprenda.

N.B. Praticamente obbligatorio gustare il piatto accompagnandolo con un buon vino rosso valtellinese.