Pesche, una questione di "pelle"

Peaches into a basketClick to enlarge

Pela il fico all’amico e la pesca al nemico, recita un vecchio proverbio: si sa che nei detti popolari c’è sempre un pizzico di verità, infatti la buccia di questo frutto succoso e profumato è particolarmente ricca di fibre e di pectina, salutari per il benessere dell’intestino. Tuttavia, la caratteristica e vellutata peluria che le riveste può trattenere molte impurità, rendendo difficile il lavaggio.
Grazie alla nuova formula in microgranuli di Bicarbonato Solvay® Frutta & Verdura tutto diventa però più semplice: studiato apposta proprio per il lavaggio di frutta e verdura, anche di quella più delicata come le pesche mature, è più efficace nel rimuovere ogni residuo senza danneggiare la buccia.


Bicarbonato Solvay® Frutta & Verdura è sempre purissimo bicarbonato al 100%, ma i microgranuli rendono il prodotto ancora più efficace nel rimuovere lo sporco senza graffiare. Immergi la frutta in una bacinella d’acqua. Aggiungi un cucchiaio di Bicarbonato Solvay® Frutta & Verdura direttamente sulla frutta e massaggiala delicatamente, per sfruttare al meglio l’efficacia dei microgranuli. Fai poi sciogliere Bicarbonato Solvay® Frutta & Verdura e lascia a bagno la frutta per circa dieci minuti. Procedi ad un risciacquo finale con acqua corrente e… addio impurità.

Tornando alle pesche, questi frutti sono un ottimo ricostituente naturale e forniscono buone quantità di vitamina C e sali minerali, soprattutto ferro e potassio, oltre al betacarotene, precursore della vitamina A, prezioso per la pelle e in grado di stimolare l’abbronzatura.
Sono adatte anche alle diete ipocaloriche, perché contengono percentuali di zuccheri non elevate e solo 25 calorie ogni 100 g.

Sembra infine che le pesche contengano una sostanza simile all’acido citrico, dalle spiccate proprietà disintossicanti e depurative.
Un’unica avvertenza riguarda la mandorla che si trova all’interno del nocciolo: meglio non mangiarla, perché contiene amigdalina, una sostanza che a contatto con gli enzimi della digestione libera piccole quantità di acido cianidrico.

A parte il gusto e il piacere di mordere una profumata pesca matura, questo frutto meraviglioso può essere consumato in tanti modi fantasiosi. Vediamone alcuni:

 

Torta pesche e yogurt
Ingredienti: 250g farina, 150g di zucchero, 250g di yogurt magro, 2 uova, 4 pesche, 2 cucchiai di olio di semi, zucchero al velo, 1 bustina di lievito, Bicarbonato Solvay® Frutta & Verdura Montare lo zucchero con le uova, poi aggiungere yogurt e olio; mescolare con farina e lievito, aggiungere un cucchiaino di Bicarbonato Solvay® Frutta & Verdura e alla fine inglobare le pesche lavate con l’aiuto di Bicarbonato Solvay® Frutta & Verdura e tagliate a fettine sottili. Cuocere in forno a 180° per circa mezz’ora.

 

Pesche ripiene alla ricotta
Ingredienti: 4 pesche bianche, 150g di ricotta, zucchero al velo a piacere, 40g di uva passa, 5/6 amaretti, granella di nocciole, Bicarbonato Solvay® Frutta & Verdura.
Lavare bene le pesche sfregandole con acqua e Bicarbonato Solvay® Frutta & Verdura, poi tagliarle a metà ed eliminare il nocciolo. Allargare l’incavo con l’aiuto di un cucchiaino, poi farle appassire nel forno per 10 minuti. Lasciarle raffreddare e riempirle con una crema composta dalla ricotta miscelata agli amaretti sbriciolati, all’uvetta ammollata e allo zucchero al velo. Alla fine cospargere con la granella di nocciole.

 

Pesche caramellate
Ingredienti: 4 pesche gialle, 50g di miele, 25g di zucchero, gelato alla crema, Bicarbonato Solvay® Frutta & Verdura Lavare bene le pesche sfregandole con acqua e Bicarbonato Solvay®, poi dividerle a metà per eliminare il nocciolo e tagliarle a fettine sottili. Scaldare miele e zucchero con 2-3 cucchiai di acqua in una padella antiaderente e fare saltare le fettine di pesca fino a quando risulteranno ben caramellate, poi versarle nelle coppette con il caramello rimasto e servire insieme al gelato.