Omogeneizzati fai da te

Click to enlarge

Perché non provi a fare in casa gli omogeneizzati per il tuo bimbo? Con ingredienti naturali e l’aiuto di Bicarbonato Solvay® puoi mettere insieme qualità, risparmio e sicurezza.

Intorno al sesto mese di vita, per tutti i bambini arriva il momento di passare gradualmente da una dieta di solo latte a un’alimentazione più varia e completa, con l’introduzione di omogeneizzati di frutta e, successivamente, anche di verdura, carne e pesce.

L’acquisto di prodotti industriali non è però l’unica possibilità: una validissima alternativa è rappresentata dalla preparazione casalinga, con il vantaggio di poter variare facilmente il menu, scegliendo soltanto prodotti genuini e di stagione, magari biologici, e di non dover utilizzare aromi o conservanti.

La realizzazione è alla portata di tutti: è necessario soltanto un particolare frullatore fornito di una piccola caldaia, chiamato “omogeneizzatore”, facilissimo da trovare, oppure un mixer dotato della stessa funzione. La differenza con gli apparecchi tradizionali sta nel fatto che con l’omogeneizzatore l’aria non si incorpora negli alimenti e il risultato sarà più corposo e, appunto, omogeneo. L’esperienza e i consigli di Bicarbonato Solvay® renderanno poi tutto il procedimento ancora più semplice e sicuro.

La qualità delle materie prime

Prima di tutto la scelta degli ingredienti: meglio frutta e verdura non trattate e carne o pesce proveniente da allevamenti biologici. Per le varietà e i tipi da utilizzare è necessario chiedere un parere al pediatra, ma normalmente sono molto adatte mele, pere, zucchine, carote e carni magre di pollo, tacchino e vitello. 

Igiene e sicurezza

Frutta e verdura vanno pulite con grande attenzione, ma lavarle soltanto con l’acqua non è sufficiente per essere sicura di eliminare ogni impurità: per questo è assolutamente raccomandato aggiungere nella bacinella del lavaggio Bicarbonato Solvay®, in grado di eliminare fino al 90% di cere, batteri e residui di antiparassitari.

Anche la cura degli “strumenti” è importante: l’omogeneizzatore va pulito a fondo dopo ogni utilizzo, ma senza usare detersivi che possono lasciare tracce nocive. Per farlo basta azionarlo per pochi secondi dopo aver messo nel contenitore un bicchiere d’acqua calda e 2 cucchiai di Bicarbonato Solvay®: un modo efficacissimo e sicuro per rimuovere anche il più piccolo residuo di cibo.

Come fare

Per quanto riguarda la preparazione, niente di più semplice: taglia a pezzi gli ingredienti scelti (da carne e pesce vanno prima eliminate con attenzione ossa e lische) e metti il cibo nell’apposito cestello a vapore dell’omogeneizzatore, dopo aver aggiunto nella caldaia la quantità di acqua indicata. Una volta che la cottura è completata basta frullare il tutto direttamente nello stesso contenitore fino a che l’omogeneizzato avrà la giusta consistenza, liscia, cremosa e compatta.

La conservazione

Gli omogeneizzati casalinghi possono essere fatti quotidianamente, oppure, per comodità, in quantità superiori e sufficienti al consumo di molti giorni. In questo caso devi provvedere a una conservazione sicura.

Le strade sono due, e prevedono entrambe l’impiego dei normali vasetti di vetro con tappo a chiusura ermetica. Puoi congelarli, ma attenzione a non riempirli troppo, oppure sterilizzarli a caldo, facendoli bollire per circa un’ora in una pentola coperta, lasciandoli poi raffreddare nella stessa acqua, come si fa di solito con le marmellate.