Parquet o gres. Cosa scegli?

ParquetClick to enlarge

Al momento di ristrutturare casa il dubbio sorge sempre inesorabile: parquet o gres?

Si tratta dei due rivestimenti senza dubbio più diffusi, e a volte può risultare difficile decidere quale sia meglio per le tue esigenze in base a criteri che non siano esclusivamente estetici.

Il pavimento giusto gioca un ruolo fondamentale nell’armonia dell’ambiente: scegliendo bene sarai in grado di dare un volto nuovo a casa tua, ma non devi dimenticare lapraticità

Ognuno dei due materiali ha infatti i suoi pro e contro da questo lato; ecco allora qualche spunto su cui riflettere per non sbagliare.

 

Parquet: pulizia e manutenzione

Decisamente non è una questione da sottovalutare. Il parquet è una superficie delicata e che necessita di cure e attenzioni per essere mantenuto pulito e in buono stato, perciò se in casa hai animali domestici o bambini piccoli forse non è particolarmente adatto. Questo aspetto va considerato ma comunque non drammatizzato, anche perché con Bicarbonato Solvay® tutto sarà più semplice.

Uno dei problemi dei pavimenti in legno sono ad esempio i segni lasciati dalle suole delle scarpe, ma sfregandoli delicatamente con un panno morbido inumidito, insieme a un pizzico di Bicarbonato Solvay®, si eliminano facilmente e senza danneggiare la superficie.

Per la pulizia quotidiana sono da evitare i detergenti aggressivi e le sostanze acide o schiumose, privilegiando i prodotti neutri specifici diluiti in acqua tiepida. Sciogliendo due cucchiai di Bicarbonato Solvay® nell’acqua di lavaggio si otterranno risultati ancora migliori. Meglio inoltre utilizzare panni in microfibra ben strizzati e non versare l’acqua direttamente sul pavimento.
Altri consigli utili da tenere presente:

  • il legno tende a cambiare colore con la luce, perciò non va tenuto coperto a lungo con stuoie o tappeti, per non ritrovarsi poi con un riquadro di pavimento molto più scuro del resto.

  • Per evitare spaccature o rigonfiamenti bisogna mantenere nella stanza una temperatura non superiore ai 20/21° e un’umidità intorno al 50/60%.

  • Per evitare i graffi meglio non camminarci sopra con le scarpe che si utilizzano all’esterno.

  • Per la stessa ragione utilizzare feltrini sotto le gambe delle sedie.

 

Gres: resistenza e durata
Il gres porcellanato 
è una ceramica a pasta dura e non porosa, cotta ad altissime temperature eper questo molto resistente a graffi, abrasioni, macchie, ecc., ma più sensibile alle scheggiature dovute a cadute accidentali di oggetti spigolosi o appuntiti.

Pur non avendo lo “charme” del parquet, negli ultimi anni si è diffuso comunque molto rapidamente grazie alle sue caratteristiche di praticità, soprattutto nella pulizia.

Se poi ti piace l’aspetto del parquet ma vorresti la robustezza del gres, oggi non c’è problema: le finiture di questo materiale sono tantissime, e quelle “effetto legno” sono così realistiche da essere facilmente confuse con l’originale.

Particolarmente adatto per ambienti “vissuti”, il gres è facile da pulire, ma anche in questo casoBicarbonato Solvay® può agevolare ulteriormente il lavoro. La soluzione di acqua calda e detergente, con l’aggiunta di due cucchiai di Bicarbonato Solvay® è sempre validissima per pulire e sgrassare a fondo le superfici lavabili, ma il trucco in più consiste nel passare le fughe con un vecchio spazzolino da denti cosparso di bicarbonato: eliminerai facilmente i residui di sporco che si sono annidati nelle fessure.

Ultimo punto a favore del gres: è un materiale ecologico con una produzione a basso impatto ambientale e il riutilizzo degli scarti produttivi.