Lo sporco che non ti aspetti: i 3 posti meno igienici della casa

Cleaning homeClick to enlarge

L’igiene prima di tutto. Ma sei sicura che le fatiche di ogni giorno per tenere pulita la casa rispondano alla certezza di vivere in ambienti sicuri dal questo punto di vista?
In ogni casa, in realtà, esistono punti precisi in cui germi e batteri proliferano indisturbati, e il problema è che si tratta di luoghi e oggetti del tutto inaspettati, anche se tra quelli maggiormente utilizzati.
Per fortuna però Bicarbonato Solvay® è un professionista del pulito: conosce tutti i posti più sporchi della tua casa e ti svela qui di seguito quelli a cui forse non avevi mai pensato, insieme a qualche consiglio di pulizia.

Spazzolino da denti
Parlando di igiene e pulizia in bagno si pensa subito al WC e agli altri sanitari, ma in verità in questa stanza c’è un oggetto ben più sporco, e lo mettiamo in bocca tutti i giorni…
Lo spazzolino da denti, secondo una recente ricerca, ospita fino a 100 milioni di batteri, la cui proliferazione è favorita dall’umidità costante della testina.
Lavarlo regolarmente con Bicarbonato Solvay® aiuta senz’altro a mantenerlo in buone condizioni igieniche, ma non dimenticare di lavare anche il porta spazzolini!
Leggi qui per sapere come fare.

Taglieri, strofinacci e spugnette
La cucina dovrebbe essere un presidio dell’igiene in casa, invece spesso, tra stoviglie, residui di cibo, umidità e angoli nascosti, si annidano sporcizia e batteri. Rubinetti, lavello, piani di lavoro, ecc., anche se in apparenza sembrano puliti, in realtà nascondono germi in abbondanza.
In particolare gli oggetti che restano umidi a lungo favoriscono la proliferazione batterica e necessitano di un trattamento speciale. Usare regolarmente Bicarbonato Solvay® per il lavaggio e la pulizia di taglieri, strofinacci e spugnette è un ottimo metodo per prevenire la formazione di muffe e cattivi odori. Il tagliere (lo stesso procedimento va bene per il piano cucina...) va sfregato con una pasta di acqua e bicarbonato e poi sciacquato; le spugnette invece si possono lasciare a bagno per qualche ora in una soluzione di acqua calda e due cucchiai di bicarbonato, poi lavate e strizzate bene; per gli strofinacci infine basta lavarli spesso in lavatrice, aggiungendo un cucchiaio di bicarbonato al normale detersivo, per eliminare ogni odore residuo.

Pattumiera
Soprattutto nel secchio della raccolta differenziata dei rifiuti umidi, si verifica una abbondante proliferazione batterica già poche ore dopo aver gettato gli scarti di cibo fresco.
Questo si manifesta principalmente con cattivo odore, perciò è necessario svuotare e lavare spesso il contenitore. Tra uno svuotamento e l’altro, un accorgimento prezioso che aiuta a tenere sotto controllo la formazione di odori sgradevoli è quello di spargere una manciata di Bicarbonato Solvay® sul fondo del secchio e un’altra ogni volta che butti nuovi rifiuti.Inoltre, per evitare che i batteri "traslochino" all'interno dell'armadietto in cui si trova la pattumiera, meglio lavare bene ogni giorno tutte le pareti interne con una soluzione di acqua e bicarbonato.

…Per finire ecco un ultimo consiglio: telecomando delle TV, tastiera e mouse del PC, per la loro conformazione costituiscono una “tana” ideale per i batteri, perciò meglio pulire bene e spesso questi oggetti (spesso invece non lo facciamo MAI), cercando di penetrare in ogni piccolo interstizio. Molto utili per questo scopo le bombolette di aria compressa, in associazione a un panno umido e giusto qualche goccia di detersivo neutro da passare bene su tutti i tasti.